25.7.15

E PENSARE CHE LA GRECIA LI TIENE PER LE PALLE, E NON LO SA (O FINGE DI NON SAPERLO).


 
C’è una nota di ancora maggior devastante tristezza nella buffonata ignobile chiamata governo Tsipras-Varoufakis. Non lo sanno, o hanno fatto finta di non saperlo, ma la Grecia in realtà tiene tutta l’Eurozona per le palle, e poteva asfaltarli tutti al muro. Basta leggere i rapporti interni della Banca Centrale Europea (BCE).
Non sto scherzando: se li leggete, anche solo i primi capitoli, capite che la BCE è letteralmente TERRORIZZATA all’idea che la Grecia scoppi, salti in aria, che le banche greche facciano il botto, perché la BCE con Draghi sanno benissimo che il botto finale della Grecia è l’olocausto dell’euro. (ma non lo sanno i soliti cefali politici/giornalistici)
Ed ecco che Draghi riunisce il Consiglio dei Governatori e glielo dice in faccia. Tsipras è un eunuco? Non ha sostegno neppure in un negozio di kebab? Le banche greche sono stra-fallite? Non c’è nessuna speranza che Atene faccia le riforme della Troika-Schaeuble? Sì tutto vero. Ma, merda, non possiamo farli fallire, se no andiamo tutti a casa con la pensione, dice Draghi ai banchieri centrali.
Ironico eh? La Grecia in realtà tiene la UE per le palle e non lo sanno, sti dementi. O sti falsari di ‘Tsipraroufakis’.
Oggi, dice Bloomberg, i tecnocrati di punta della BCE, con Draghi, si collegheranno via telefono per decidere cosa fare. Dovete ricordare che le banche greche sono tutte appese come pesci all’amo dell’ELA, cioè al ‘Programma di assistenza per la liquidità d’emergenza’ della BCE, che ora per forza va ampliato (cioè la BCE gli deve prestare di più), mentre prima la BCE solennemente giurava che non l’avrebbe mai fatto. Oggi calano le mutande, Draghi l’ha già detto.
Poi vi ho già raccontato che Mario Draghi, quando si sentiva un galletto sicuro del suo potere sulla Grecia, decise nel 2014 di escludere Atene (e non gli altri Paesi euro) dal programma QE, cioè di non comprargli titoli di Stato così da far scendere gli interessi e dare ossigeno al governo greco. Sapete che se qualcuno ti compra molti titoli di Stato, gli interessi che tu paghi su di essi scendono molto. Draghi decise appunto di comprare titoli italiani, spagnoli, olandesi, francesi ecc., (il QE) facendo scendere gli interessi che paghiamo su quei titoli (facendoci risparmiare, come nazioni, miliardi), ma NON volle includere la Grecia in quel programma salva-vita. Ma ora…
… ora che gli ellenici stanno per saltare in aria e per portarsi tutta l’Eurozona nella tomba, Draghi si è fatto la popò nelle mutande. Ops! La mesta scommessa di Mario è che la Grecia, almeno di facciata, faccia quelle due o tre riforme di base per poter poi annunciare al mondo, SENZA PERDERCI LA FACCIA, che la BCE torna ad aiutare la Grecia sia coi prestiti (ELA) che col QE. Ma dietro a queste decorose dichiarazioni, come detto, c’è terrore e pannoloni sporchi dei tecnocrati BCE che il gioco sadico con la Grecia sia andato oltre i limiti, e che ora con l’olocausto ellenico salti in aria tutto il sistema.
Ecco come Mario Draghi ha posto la questione salvando la faccia della più importante banca centrale del mondo: “Certo, ci sono sempre questioni relative alla capacità e alla volontà greca di fare le riforme… Ma pensate che sia legittimo che la BCE prenda le sue decisioni basandosi su dubbi su un governo? No, non siamo fatti di quella pasta”. Tradotto…
… “fanculo se Atene farà o no le riforme della Troika, noi la salviamo e basta, se no, ripeto, andiamo tutti in pensione (e in fondo al pozzo)”.
Cristo, ma Gesù Maria, se queste cose le dice Mario Draghi, alla faccia di Schaeuble et Merkel, possibile che quei minorati mentali di Tsipras e di Varoufakis non le capissero? O… fingono di non capirle?
GRECI! SIETE VOI A TENERE L’EUROZONA PER LE PALLE? SVEGLIAAAAAAA!

Δεν υπάρχουν σχόλια:

Δημοσίευση σχολίου